Il Programma di formazione professionale Leonardo da Vinci ha l'obiettivo di attuare una politica della formazione professionale negli Stati membri dell'Unione Europea migliorandone la qualità, sostenendo azioni innovative e individuando nuove metodologie per l'apprendimento.
Il Programma (1 gennaio 1995 - 31 dicembre 1999) nasce dall'esperienza di PETRA, FORCE, EUROTECNET, COMETT nonché, in parte, dal Programma LINGUA e dalla Rete IRIS.

LEONARDO da VINCI vuole essere uno strumento utile per elaborare misure volte a:

* migliorare i sistemi e i dispositivi di formazione professionale degli Stati membri;
* migliorare i provvedimenti in materia di formazione professionale anche nell'ambito della cooperazione fra imprese e università, riguardanti tanto le imprese quanto i lavoratori;
* sviluppare la possibilità di comunicazione, apprendimento e diffusione dell'innovazione nel campo della formazione.

I tipi di misure che verranno privilegiate sono:

* progetti pilota per creare approcci, contenuti e strumenti nuovi di formazione;
* programmi di collocamenti e scambi, ossia stages lavorativi per i giovani e confronti tra responsabili della formazione;
* indagini e analisi su problemi e questioni relativi alla formazione professionale;
* reti e progetti di demoltiplicazione

LEONARDO da VINCI è aperto ai partenariati conclusi fra gli operatori coinvolti nella formazione: imprese, parti sociali (sul piano nazionale e comunitario), università, pubblici poteri, organismi pubblici e privati di formazione degli Stati membri dell'U.E. e dello Spazio Economico Europeo.

Le proposte progettuali presentate nell'ambito del programma vengono selezionate sulla base di 2 procedure e dovranno rispettare determinati criteri qualitativi.

E' in corso la sperimentazione nazionale di un Attestato di partecipazione rilasciato a quanti prendono parte ad uno stage di formazione e lavoro o a un confronto tra responsabili della formazione nel quadro dei Programmi transnazionali di Collocamenti e Scambi del Settore I.