ANNO DI APPROVAZIONE
1999
TITOLO
TRANSPARENCY II - Viability of vocational training certificates in the European labour and training market
CONTRAENTE
ORGANISMO BILATERALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE
Viale Pasteur, 6
00144 ROMA
Tel. ++39-06-5913181
Fax ++39-06-54229343
E-mail: obn@confindustria.it

SETTORE
III
MISURA
3.A/276
DURATA
18 mesi
PERSONA DA CONTATTARE
Mario Zambelli

PARTENARIATO
ISFOL Istituto per lo sviluppo della formazione dei lavoratori (Italia) - CENSIS (Italia) - ISB (Germania) - NATIONAL BOARD OF EDUCATION (Finlandia) - MINISTERO DELL’EDUCAZIONE NAZIONALE FRANCESE (Francia) - CMOS PS (Repubblica Ceca)

SETTORE INTERVENTO
Istruzione
IMPATTO PREVISTO
Europeo

PAROLE CHIAVE
Valutazione - Certificazione
OBIETTIVI
Il progetto si propone di favorire la diffusione degli strumenti destinati alla ricognizione dei certificati rilasciati all’interno della Unione Europea, al fine di favorire una progressiva confluenza dei linguaggi e degli indicatori di certificazione adottati all’interno della stessa Unione.
In particolare, si prevede l’allargamento dell’impianto metodologico proposto a due nuovi partner attraverso l’ideazione di pagine web al fine di favorire l’attivazione di un dibattito transnazionale più ampio sul tema ed un approfondimento ed un arricchimento della ricerca attraverso una fase di applicazione e di verifica degli strumenti messi a punto all’interno di alcune filiere formative ritenute significative a livello nazionale nel sistema formativo di ciascun paese partner.

BENEFICIARI
Il target di riferimento del progetto è molto ampio in quanto si rivolge a quanti sono interessati ad approfondire i temi della certificazione e più in generale della trasparenza nei paesi europei coinvolti nel progetto. In particolare i principali destinatari risultano essere: gli organismi paritetici, le parti sociali, i decisori politici ed istituzionali, i direttori delle risorse umane, i formatori, gli occupati e i giovani in cerca di prima occupazione.


PRODOTTI REALIZZATI O IN FASE DI REALIZZAZIONE
Obiettivo del prodotto è quello di demoltiplicare i risultati del precedente progetto Trasparency, attivando un più diffuso processo di comparazione tra i diversi dispositivi di certificazione presenti nei paesi della UE ed evidenziandone l’evoluzione, per rispondere alla nuova domanda di sviluppo e riconoscimento delle competenze maturate nei percorsi formativi meno tradizionali senza rinunciare ad un sistema trasparente, unitario e complessivo di certificazione.
I beneficiari del prodotto risultano essere tutti i soggetti coinvolti nel sistema formativo nonché organismi paritetici, parti sociali, decisori politici ed istituzionali.
Il prodotto finale realizzato è un CD-Rom, multimediale e interattivo, in lingua inglese che descrive l’impianto metodologico messo a punto nel progetto.
Il Cd-Rom è suddiviso in tre sezioni.
La prima sezione riporta la sintesi dei tre report nazionali relativi ai risultati di una ricerca effettuata sui dispositivi di certificazione utilizzati in tre dei paesi partner coinvolti nel progetto, Italia, Francia e Germania. Ogni paese individua un dispositivo di certificazione particolarmente innovativo rispetto all’evoluzione del sistema formativo nazionale, al fine di verificare la spendibilità e l’applicabilità dell’approccio e della metodologia del progetto.
La seconda sezione analizza uno strumento, una griglia di lettura della trasparenza dei dispositivi di certificazione, attraverso la quale è possibile analizzare i dispositivi che i diversi paesi coinvolti hanno scelto come casi di studio per il progetto, facilitandone, appunto, la lettura trasversale e la comparazione; la griglia sottolinea i seguenti elementi:
- Dispositivo di certificazione a cui si fa riferimento;
- Riferimenti generali che legittimano la sperimentazione e/o l’attivazione del dispositivo, ad esempio riferimenti normativi, accordi tra le parti sociali, documenti istituzionali;
- Principali finalità del dispositivo, ad esempio certificare la positiva frequenza di un percorso formativo, riconoscere i percorsi formativi e professionali di una persona, attestare il possesso di specifiche competenze, riconoscere crediti in vista di un eventuale reinserimento in formazione;
- Principali ambiti di riferimento operativo in cui il dispositivo è funzionale, ad esempio formazione iniziale, formazione continua, formazione in alternanza, mobilità e ricollocazione professionale, orientamento per l’individuo;
- Livello al quale si colloca l’impatto del dispositivo, come attestazione, riconoscimento o validazione;
- Sistema di classificazione della professionalità e/o formazione cui il dispositivo fa eventualmente riferimento, ad esempio i livelli europei, il sistema ECTS, la griglia di classificazione professionale, contratti collettivi di settore;
- Elementi che sono oggetto del dispositivo di certificazione, come ad esempio figure professionali, competenze e standard formativi;
- Indicatori che descrivono i suddetti elementi, quindi le voci che, in riferimento ai diversi elementi presi in considerazione dal dispositivo, sono concretamente specificate all’interno del documento di attestato;
- Esplicitazione (o meno) del modello più generale di riferimento per la descrizione degli elementi da certificare;
- Processo per la creazione e l’aggiornamento del dispositivo;
- Soggetti coinvolti nella definizione e manutenzione del dispositivo e relativi ruoli;
- Modalità di gestione del dispositivo;
- Eventuali effetti di retroazione sul processo di costruzione e utilizzo delle professionalità, ad esempio analisi dei fabbisogni, valutazione dei risultati formativi;
- Principali elementi di valutazione, ad esempio punti di forza, elementi critici, eventuali ipotesi migliorative e condizioni per la loro implementazione.
La terza sezione del CD-Rom analizza un altro strumento, un set comune di indicatori di trasparenza delle certificazioni, il quale, in base al confronto tra le diverse esperienze dei partner europei, individua una serie di macro indicatori al fine di rendere trasparenti le informazioni relative ai percorsi formativi spendibili nel mercato del lavoro:
- Informazioni generali sul titolare del certificato;
- Informazioni generali sulle caratteristiche della certificazione;
- Profilo professionale di riferimento;
- Competenze, secondo il sistema di classificazione nazionale;
- Standard di formazione, apprendistato, stage;
- Standard di valutazione;
- Annotazioni integrative;
Il prodotto, quindi, descrive un impianto metodologico che costituisce una buona base di partenza per avviare una organica ricognizione dei certificati rilasciati all’interno della UE. L’utilizzo dei diversi strumenti, infatti, favorisce una lettura più trasparente delle effettive caratteristiche dei risultati di ogni singolo percorso formativo.

Il CD-Rom è disponibile presso l’ente contraente.