ANNO DI APPROVAZIONE
1999
TITOLO
Sofi@net - New European teachers thanks to ODL methodology
CONTRAENTE
I.T.S.O.S. “Marie Curie”
Via Masaccio
20063 Cernusco sul Naviglio (MI)
Tel. ++39-02-9240552
Fax ++39-02-9244512
E-mail: itsos@tes.mi.it

SETTORE
III
MISURA
3.A/273
DURATA
3 anni
PERSONA DA CONTATTARE
Vincenzina Guzzi

PARTENARIATO
SCIENTER (Italia) - CGIL SCUOLA (Italia) - I.T.I.S. (Italia) - I.T.C.S. (Italia) - L.S. “Leonardo da Vinci” (Italia) - I.T.C. “Mario Pagano” (Italia) - CAFOC (Francia) - LAMBRAKIS RESEARCH FOUNDATION (Grecia) - DEIS - CIT (Irlanda)

SETTORE INTERVENTO
Formativo

IMPATTO PREVISTO
Settoriale

PAROLE CHIAVE
O.D.L - Autoistruzione - F.A.D. / Formazione Formatori

OBIETTIVI
Sofi@net intende capitalizzare e valorizzare le esperienze realizzate in Leonardo da Vinci dai progetti SOFIA, TRAILS e TRENDS al fine di favorire lo sviluppo di una Rete Europea per la formazione aperta/flessibile/a distanza.
Il progetto si propone come vettore d'innovazione rispetto alla dimensione pedagogica in termini di:
• diffusione della metodologia di formazione aperta/flessibile e a distanza nei campi dell'educazione e formazione;
• arricchimento d'opportunità formative grazie all'utilizzo delle Nuove Tecnologie della Comunicazione e Informazione;
• diffusione di strategie didattiche diversificate in funzione delle caratteristiche psicologiche e culturali dei destinatari oltre che di contesto: auto-apprendimento supportato, classi virtuali e apprendimento collaborativo.
Tale scelta si ispira al principio "learning by doing" grazie al quale i docenti, e in seconda battuta, gli studenti, creeranno una comunità di apprendimento virtuale funzionale alla crescita sia di conoscenze sia competenze.
Sul piano dei contenuti il progetto si propone di costruire un modello di formazione/aggiornamento on-line in grado di diffondere le potenzialità della Metodologia di Apprendimento flessibile e a distanza.


BENEFICIARI
• Dirigenti Scolastici
• Docenti/Formatori

PRODOTTI REALIZZATI O IN FASE DI REALIZZAZIONE
Il prodotto finale è il risultato di un processo di valorizzazione, ampliamento e diffusione delle esperienze realizzate attraverso i progetti Leonardo TRAILS, SOFIA e TRENDS, e consiste in un ampio e articolato sito web di contenuto informativo e formativo sull’utilizzo delle nuove tecnologie nel campo della formazione e quindi sulle metodologie didattiche basate sui mezzi di comunicazione di nuova generazione.
Il sito, www.tes.mi.it/sofianet, è strutturato come segue:
- un’area informativa sulle potenzialità dei nuovi scenari di apprendimento (autoapprendmento supportato, classi virtuali, apprendimento collaborativi);
- un’area contenente i progetti oggetto della demoltiplicazione: TRAILS, SOFIA e TRENDS;
- un’area risorse contenente databases di materiali ODL concepiti per l’utilizzo in settori specifici.

Cliccando, dalla home page del sito, su “Formazione in rete” si accede direttamente alla vasta documentazione di tipo informativo sui diversi aspetti e problemi metodologici sollevati dall’applicazione delle New Information and Communication Technologies nei contesti formativi.
Esse danno luogo anzitutto al costituirsi di un peculiare ambiente di apprendimento, un New Learning Environment, che si caratterizza per le sue implicazioni tecnologiche e metodologiche.
Sulla base di quest’ultima bipartizione sono strutturati i contenuti successivi di questa sezione, suddivisi appunto in due filoni paralleli dedicati uno alle TIC (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione), e l’altro all’ODL (Open and Distance Learning). La parte dedicata alle TIC, ovvero agli aspetti squisitamente tecnologici dell’ambiente di apprendimento analizzato, offre una trattazione dell’argomento a partire da diverse angolazioni. Nell’area dedicata alle “TIC per tutti” l’utente può accedere ad una definizione teorica e storica delle tecnologie di comunicazione a distanza. Nella definizione “Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione” rientrano tutte le tecnologie utilizzate per comunicare, elaborare, condividere e trasferire informazioni e dati. Vengono quindi analizzate le diverse applicazioni e realizzazioni delle TIC, identificate in Software, Internet e Multimedia. Questi ultimi tre strumenti sono analizzati nella loro evoluzione storica e nel ruolo che rivestono nelle attuali pratiche di comunicazione e informazione a distanza.
Successivamente la tematica delle TIC è esplorata dal punto di vista delle applicazioni che esse consentono all’interno dei diversi contesti funzionali e operativi legati a singole figure professionali che si occupano di formazione. Tre sono i ruoli professionali di riferimento:
- TIC per Responsabili;
- TIC per Dirigenti scolastici;
- TIC per Insegnanti.

Per ognuno di questi diversi ruoli le TIC rivestono un’importanza strategica di diversa natura, e consentono agli utenti di migliorare le proprie competenze da diversi punti di vista. Nel caso dei Responsabili della Formazione, viene posto l’accento sul contributo che le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione hanno offerto, e tuttora offrono, alla formazione continua, ovvero alla diffusione dell’idea di un processo di apprendimento costante lungo tutto l’arco della vita. Soprattutto per chi lavora sui temi della formazione ad un livello di dirigenza o di progettazione, è necessario infatti un approccio caratterizzato da un aggiornamento continuativo delle competenze e delle conoscenze, nonché da grande adattabilità all’evoluzione dei contenuti e delle tecniche.
Per quanto riguarda i dirigenti scolastici, le TIC sono valorizzate soprattutto come risorsa legata all’innovazione, in quanto permettono alle scuole di favorire un attitudine permanente all’autoformazione, di raggiungere, attraverso le FAD, un’ampia gamma di utenti, nonché di supportare un’omogenea alfabetizzazione sulle nuove tecnologie presso i giovani.
Al livello della pratica effettiva dell’insegnamento, le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione servono a definire e promuovere un ruolo attivo dell’allievo durante tutte le fasi del processo di apprendimento, soprattutto attraverso le applicazioni legate alla multimedialità. Inoltre, una didattica che si avvalga di strumenti di comunicazione a distanza favorisce l’acquisizione di consapevolezza e autonomia dell’allievo all’interno del processo formativo.
La stessa griglia concettuale, ovvero la suddivisione secondo ruoli professionali, è adottata nella trattazione e nell’analisi dell’ODL, ovvero delle metodologie di formazione aperta e a distanza. Anche questa sezione quindi si apre con un capitolo informativo e generico contenente definizioni e cenni storici sulle pratiche della formazione a distanza, dai sistemi di insegnamento per corrispondenza del XIX secolo e per via telegrafica nella prima metà del XX, all’avvento delle reti telematiche e della comunicazione satellitare negli anni Novanta dell’ultimo secolo. A ciò segue la trattazione specifica delle diverse applicazioni di queste metodologie di formazione nei ruoli professionali già individuati per le TIC: Responsabili, Dirigenti e Insegnanti.
Il capitolo relativo ai responsabili è caratterizzato da un approccio storico sull’evoluzione della progettualità formativa a livello di politiche e programmi di azione europei e sull’incidenza avuta dalle metodologie di formazione a distanza su tale sviluppo.
Per quanto riguarda i dirigenti scolastici, invece, l’accento è posto sui vantaggi strategici offerti dalla ODL in termini di costo, di ampliamento del raggio d azione, di efficacia formativa e anche di possibilità di accesso a finanziamenti pubblici e comunitari.
La parte dedicata agli insegnanti si sofferma sugli aspetti prettamente didattici dell’ODL, individuando tre paradigmi fondamentali per la loro applicazione: l’apprendimento integrato da sistema di supporto; la classe virtuale; l’apprendimento collaborativo in rete.
Sempre all’interno dell’area denominata “Formazione in rete”, è possibile accedere ai corsi e modelli formativi progettati all’interno di Sofianet. Di tali corsi, uno, denominato Pro-Mo, è stato realizzato nell’ambito del presente progetto di demoltiplicazione, mentre l’altro, TRAILS è stato sviluppato dal DEIS - KORK Institute of Technology. In quest’area del sito viene illustrata la struttura modulare dei corsi, insieme agli obiettivi, i piani di lavoro e gli strumenti ODL utilizzati.
Il corso Pro-Mo è finalizzato a sensibilizzare e formare gli insegnanti di scuola superiore alle tematiche della formazione a distanza, nonché a diffondere le metodologia di progettazione didattica modulari elaborate nel progetto Sofia. Il corso intitolato TRAILS è progettato per insegnanti e formatori, con l’obiettivo di promuovere una consapevolezza delle potenzialità del Web nel campo dell’insegnamento/apprendimento.
Dalla home page del sito è possibile accedere, attraverso appositi links, alle home pages dei progetti oggetto della demoltiplicazione: Sofia, TRENDS e TRAILS. Anche l’area denominata risorse contiene un ricco repertorio di fonti informative divise in sette diverse tipologie: informazione; riviste e newsletter; corsi on-line; materiali didattici; progetti e ricerche; banche dati; tecnologie. Il sito offre anche dei forum tematici di discussione che vertono su argomenti di importanza strategica nel campo della formazione ODL, come il problema delle modalità di certificazione.
Il sito è liberamente consultabile, in lingua italiana, digitando www.tes.mi.it/sofianet