ANNO DI APPROVAZIONE
1999
TITOLO
FROM EXCLUSION TO EUROPEAN CITIZENSHIP - Italian emigrant children from exclusion to a european citizenship: italian language training for acquiring employability in a global labour market
CONTRAENTE
UNICAL - Università degli studi della Calabria
Via Pietro Bucci,
87030 Arcavacata di Rende (CS)
Tel. ++39-0984-493709
Fax ++39-0984-493624
E-mail: Socrates@unical.it

SETTORE
III
MISURA
1.A/270
DURATA
3 anni
PERSONA DA CONTATTARE
ITALIAN EMIGRANT CHILDREN FROM EXCLUSION TO EUROPEAN CITIZENSHIP - Italian language training for acquiring employability in a global labour market

PARTENARIATO
UCL - Université Catholique de Louvain (Belgio) - IAW - Aachen University of Technology
Institute of Industrial Engineering and Ergonomics (Germania) - INTERVISTA E V. (Germania) - C.C.I.L. - Chambre de Commerce (Francia) - CALLIOPE (Francia)

SETTORE INTERVENTO
Formativo / Linguistico
IMPATTO PREVISTO
Europeo
PAROLE CHIAVE
Insegnamento - Apprendimento competenze linguistiche / Lotta all’esclusione e Drop-out / Pari opportunità

OBIETTIVI
Poiché la società europea è destinata a divenire sempre più multietnica e multirazziale, in un contesto generale di globalizzazione dell'economia, il progetto intende concentrarsi sul fenomeno migratorio che ha interessato la popolazione italiana e in particolare la seconda generazione di emigranti: figli delle famiglie italiane emigrate in Belgio, Francia e Germania.
Tra gli obiettivi principali il progetto intende:
• definire i bisogni linguistici e di orientamento professionale dei giovani immigrati,
• definire i bisogni linguistici delle imprese che lavorano o desiderano lavorare col mercato italiano,
• produrre uno specifico curriculum che includa moduli di orientamento, integrazione culturale, lingua italiana e micro-lingue in accordo con le necessità delle imprese;
• produrre il relativo materiale didattico.


BENEFICIARI
I beneficiari diretti del progetto saranno i figli di emigranti italiani in formazione professionale iniziale e/o disoccupati e le piccole e medie imprese.
I beneficiari indiretti del progetto saranno invece le organizzazioni sociali che combattono l'esclusione sociale, le comunità di immigranti, le società/centri di formazione professionale, le organizzazioni pubbliche.

PRODOTTI REALIZZATI O IN FASE DI REALIZZAZIONE
I prodotti finali del progetto sono alcuni strumenti didattici per l’apprendimento guidato e autonomo della lingua italiana, destinati a discendenti di emigrati di seconda e terza generazione, ma anche a centri di formazione professionale, organizzazioni che combattono l’esclusione sociale e piccole e medie imprese italiane o dei paesi maggiormente interessati dal fenomeno dell’immigrazione italiana, Francia, Belgio e Germania.
La realizzazione dei prodotti è stata preceduta da una ricerca sui bisogni linguistici e professionali articolata in tre parti, una relativa ai beneficiari finali del progetto, ovvero i giovani emigrati in formazione, una indirizzata alle PMI italiane, e la terza alle PMI dei paesi ospitanti.
Tali indagini hanno rilevato come l’accesso dei figli degli emigrati italiani nelle piccole e medie imprese dei paesi europei di destinazione sia ostacolato dalla mancanza di competenze multilinguistiche. È inoltre emerso che dei discendenti degli emigrati, l’80% comprende l’italiano, ma solo il 60% è in grado di parlarlo, mentre per le competenze scritte le percentuali sono ancora più basse, 40% per la comprensione e solo il 30% per la produzione scritta.
Il progetto mira quindi a permettere a questi soggetti di sfruttare nel mercato del lavoro il loro potenziale bilinguismo, attraverso due strumenti didattici.
Il primo prodotto è un manuale intitolato L’italiano virtuale, una guida sintetica e di facile consultazione all’offerta didattica sul web in tema di apprendimento e autoapprendimento della lingua italiana. La guida è strutturata in due parti. La prima propone una serie di tre percorsi web nei siti italiani ed esteri che offrono corsi di lingua italiana oppure materiali autentici di sussidio riguardanti la cultura e l’attualità italiane. Di ogni sito o pagina web presa in analisi si offre un commento sui contenuti e sull’approccio didattico.
La seconda parte è stata concepita per chi aspira ad approfondire le proprie conoscenze sulle origini e le caratteristiche della rete. Essa è arricchita da una serie di informazioni operative per l’accesso autonomo e immediato ai principali portali informativi generici disponibili sulla rete e a quelli più rilevanti ai fini del progetto. L’italiano virtuale è uno strumento destinato da una parte agli insegnanti, come supporto al non sempre facile reperimento di materiali autentici per l’insegnamento della lingua italiana, da all’altra ai discenti stessi che possono così disporre di uno strumento autonomo di autoapprendimento.
Come secondo prodotto, si propone un manuale sulla microlingua aziendale italiana, Italiano@Impresa, concepito per colmare la lacuna linguistica e la carenza di strumenti didattici rilavate dalle indagini condotte presso discendenti di emigrati italiani e PMI di Francia, Belgio e Germania. Il manuale mira quindi a ottimizzare le competenze linguistiche dei giovani di origine italiana in fase di formazione o inserimento, che abbiano già una conoscenza medio-avanzata e aspirino a migliorare ed arricchire tali conoscenze attraverso l’apprendimento della microlingua commerciale italiana.
Il manuale è stato concepito ad uso degli insegnanti, che possono avvalersene nella conduzione di corsi di lingua italiana settoriale. Tuttavia esso costituisce anche un valido strumento di approfondimento per il singolo studente.
Per realizzare del materiale didattico il più possibile calato del contesto professionale di riferimento e nell’area linguistico terminologica afferente, ci si è orientati verso lo sviluppo di competenze trasversali di lavoro amministrativo, organizzativo e di ufficio, con occasionali riferimenti al settore tessile, il maggiormente interessato dagli scambi commerciali tra L’Italia e i paesi che ospitano i nostri emigrati (Francia, Germania e Belgio).
Il manuale è strutturato in quattro parti :
- L’impresa. Contiene una breve esplorazione del panorama aziendale italiano nell’ambito dell’industria tessile di lusso, che l’insegnante può usare come testo di riferimento per l’apprendimento della terminologia specifica del settore. Vi sono inoltre esercizi ed attività di tipo sia terminologico sia grammaticale;
- L’organizzazione di viaggi d’affari in Italia. Il secondo modulo mira a fornire gli elementi fraseologici e di vocabolario consentano all’allievo di relazionarsi agevolmente nell’ambito dell’organizzazione di un viaggio d’affari. Come attività da proporre agli allievi ci sono simulazioni di conversazioni telefoniche, prenotazione di alberghi, viaggi, richiesta di informazioni, etc.;
- Il viaggio d’affari in Italia. Il modulo fornisce elementi linguistici necessari per relazionarsi proficuamente in un contesto italiano. Le situazioni di riferimento consistono in due soggiorni a Roma e a Napoli, con i relativi problemi comunicativi generici e specifici (ad esempio come orientarsi in città e come gestire o presiedere una riunione aziendale);
- La corrispondenza commerciale.L’ultimo modulo è incentrato sull’apprendimento della microlingua commerciale scritta. In particolare ci si concentra sulla comprensione e sulla scrittura di e-mail di lavoro, riguardanti ordinazioni, pagamenti, solleciti, reclami etc.
Per ogni tematica affrontata in ciascuno dei moduli sono segnalati dei siti web nei quali è possibile approfondire l’argomento in questione.
I contenuti dei due manuali, L’italiano virtuale e Italiano @ Impresa sono stati inoltre riversati in un CD-Rom, nel quale, a partire dalle pagine di apertura delle singole sezioni dei due manuali, è possibile muoversi ipertestualmente tra i diversi strumenti e le diverse attività presenti nei manuali stessi.

Ulteriori prodotti del progetto sono i materiali informativi e illustrativi realizzati nell’ambito delle attività di diffusione e disseminazione, come la brochure nella quale sono riportati i risultati finali delle ricerche sui fabbisogni linguistici realizzate in Francia, Belgio e Germania sui giovani di origine italiana in formazione e sulle PMI, e gli obiettivi del progetto.

I prodotti sono reperibili al prezzo di produzione presso l’ente contraente, in lingua italiana e su supporto cartaceo e informatico.