ANNO DI APPROVAZIONE
1996
TITOLO
E-QUALITY
CONTRAENTE
Fondazione Regionale Pietro Seveso
Viale Vittorio Veneto, 24
20124 Milano
Tel. 02/29013198
Fax 02/29013262
SETTORE
II
MISURA
1.1.D/106
DURATA
3 anni
PERSONA DA CONTATTARE
Gian Primo Cella
PARTENARIATO (nazionale/transnazionale)
CENTRIM UNIVERSITY OF BRIGHTON (Regno Unito) - ATHENE APS (Danimarca) - LABORATORIO DELLE IDEE (Italia)
SETTORE INTERVENTO
Manifatturiero
IMPATTO PREVISTO
Europeo/Dialogo sociale
PAROLE CHIAVE
Orientamento/Pari opportunità/
Cambiamenti industriali
OBIETTIVI
* Sviluppare una metodologia capace di sostenere le lavoratrici in un percorso di autoformazione e autosviluppo delle proprie competenze nelle diverse fasi della vita lavorativa in relazione ai nuovi bisogni delle imprese indotti dai mutamenti tecnologici, organizzativi e di mercato.
BENEFICIARI
* Lavoratrici delle aziende coinvolte nel progetto che intendono investire su se stesse, prevenendo gli effetti negativi dei processi di cambiamento e adottando un atteggiamento positivo verso la flessibilità richiesta dalle nuove situazioni.
* Responsabili della formazione, della gestione delle risorse umane, di linee e delle relazioni industriali delle aziende che partecipano al progetto.
* Organizzazioni sindacali a livello nazionale e periferico, coinvolte nel progetto, che intendono creare le condizioni per una sostanziale parità di opportunità nell'accesso alla formazione e sperimentare nuove relazioni industriali che integrino il tema dell'eguaglianza.
PRODOTTI REALIZZATI O IN FASE DI REALIZZAZIONE

Il primo prodotto è un rapporto descrittivo sull'analisi dei contesti nazionali dei paesi partecipanti al progetto: Italia, Danimarca e Regno Unito in merito ai recenti cambiamenti industriali. La metodologia di lavoro utilizzata è stata quella dell'analisi documentale in tutte e tre le realtà.

L'analisi del contesto italiano ha evidenziato:
- i caratteri delle trasformazioni in atto e gli effetti sulla forza lavoro;
- gli approcci alla gestione del mercato del lavoro che migliorano l'occupabilità delle persone.

Tale analisi inoltre è stata arricchita da una rassegna di alcune metodologie ed esperienze di orientamento e sostegno per la ricerca di lavoro e da studi di caso su cinque imprese.
Per quanto riguarda il contesto danese e inglese, la scelta è stata di approfondire specificatamente lo sviluppo delle iniziative di formazione per sole donne. L'analisi ha fornito materiali estremamente ricchi in termini di approcci adottati e problemi aperti. I risultati dell'analisi di contesto sono la base per la realizzazione del modello di auto - orientamento e autosviluppo destinato alle donne.

Il rapporto è un testo cartaceo (parte in italiano e parte in inglese) destinato al gruppo di lavoro interno al progetto.

Il secondo prodotto consiste nel realizzare e sperimentare una metodologia su supporto informatico (CD-Rom), che migliori la capacità di auto - orientamento e autosviluppo delle lavoratrici in modo da favorirne l'occupabilità di medio lungo periodo, in contesti aziendali caratterizzati da processi diffusi di mutamento organizzativo e tecnologico.

Questa metodologia dovrebbe essere utilizzabile da gruppi target diversi e in contesti nazionali molto diversi tra loro sia in termini di cultura, sia in termini di sviluppo di politiche attive del lavoro e di metodologie di rafforzamento delle persone nei diversi periodi di transizione. Si vuole realizzare un Action Learning Tool, cioè uno strumento attraverso il quale le persone acquisiranno un metodo per leggere e comprendere se stesse e il contesto aziendale in cui sono inserite, al fine di equipaggiarsi per il cambiamento e assumersi la responsabilità delle loro scelte.

Il prodotto è attualmente in fase di realizzazione e si prevede che sia completato nell'ottobre del 1999.