PREFAZIONE

Il ruolo assunto dalle organizzazioni senza scopo di lucro - associazioni, fondazioni, cooperative sociali eccetera - è indubbiamente in crescita in tutto il paese. Il co siddetto terzo settore è ormai un referente sempre piu consolidato per gli enti locali, viene coinvolto dalle politiche per il lavoro, e un attore fondamentale nella gestione del welfare, come anche la recente riforma dell'assistenza ha mostrato. Secondo i dati ISTAT, sono circa 500 mila gli occupati complessivi del settore, mentre la quota del PIL rappresentata da queste organizzazioni, ha avuto un tasso di sviluppo medio dell'8% negli ultimi dieci anni, quando il paese cresceva del 2%. In più, le imprese sociali continuano a impegnarsi in settori innovativi, che vanno dalla marginalità sociale alla comunicazione, dalla cultura all'ambiente, con approcci originali e con la capacità di trovare soluzioni efficaci ai bisogni (nuovi e vecchi) della collettività. Tutti i cittadini, le istituzioni. le imprese, i sindacati, sono dunque destinati ad interloquire sempre piu spesso con questi soggetti. le cui esperienze non sempre sono conosciute fino in fondo e di frequente vengono male interpretate. Si pensi ai media, che ancora stentano a trovare il linguaggio e i codici giusti per parlare di questi temi; ai professionisti, che si relazionano in modo superficiale con le organizzazioni non profit, faticando a coglierne l'identità, a meta strada tra impresa e volontariato; agli amministratori locali, che rischiano di usarnee solo i servizi senza sviluppare fino in fondo le loro potenzialità. D'altro canto le stesse giovani organizzazioni di terzo settore che continuano a nascere e ad espandersi nel nostro paese, non sempre sono consapevoli del loro ruolo e della complessità che si troveranno a gestire. Questa guida vuole essere uno strumento utile per tutti costoro. Scritta da formatori e ricercatori che lavorano nel mondo non profit e nata dall'esperienza di attività didattiche che in tre anni hanno coinvolto piu di 500 tra volontari, dirigenti e lavoratori di organizzazioni senza scopo di lucro, essa si propone come strumento di orientamento, di prima consultazione e approfondimento su temi specifici. Due sono i principali obiettivi della pubblicazione:
• proporre un modello di terzo settore solidaristico, in grado di muoversi nel mercato pubblico e private senza perdere di vista le finalità sociali e la propria identità;
• fomire al lettore le conoscenze specifiche necessarie a comprendere, gestire, sviluppare un'impresa sociale. Partendo dalle domande piu frequenti che si pongono all'interno di un'organizzazione e suggerendo un percorso ragionato tra le fonti e le realtà di riferimento piu significative, vengono date risposte che tengono conto delle esperienze, dei modelli piu diffusi, delle opportunita e dei vincoli legislativi e finanziari. Il testo è suddiviso in set capitoli consultabili separata mente: definizioni, legislazione, progettazione, lavoro, economia, comunicazione. Ognuno di essi contiene schede monografiche e materiali di consultazione (bibliografia, indirizzi, siti Internet). Infine pubblichiamo un glossario con le parole fondamentali per conoscere meglio il terzo settore.

Il volume è stato curato da:
Cinzia Cimini: Master in Economia del non profit all'Università di Trento, si occupa di bilancio sociale, finanza etica e modelli formativi per le imprese sociali. Ha curato l'elaborazione del bilancio sociale di Lunaria.
Davide Di Pietro: amministratore e responsabile della tesoreria di alcune principali associazioni nazionali, at tualmente è tesoriere di Lunaria.
Erika Lombardi: responsabile della formazione per Lunaria. Si è occupata delle forme di lavoro nel terzo settore, di cooperazione sociale e di formazione per le donne, svolgendo attività di ricerca e progettazione anche per conto della Commissione europea.
Giulio Marcon: presidente di Lunaria e del Consorzio italiano di solidarietà; e stato portavoce del Forum permanente del terzo settore. E' autore di numerose pubbli cazioni sul terzo settore, i movimenti sociali, il pacifismo.
Alessandro Messina: già ricercatore per il Dipartimento di Economia pubblica dell'Università di Roma «La Sapienza» e per il Dipartimento di Contabilità nazionale dell'ISTAT, per cui ha lavorato alla costruzione del conto satellite del settore non profit. E' direttore di Lunaria.
Grazia Naletto: responsabile della comunicazione per Lunaria, ha curato la redazione, tra gli altri, di Onde Lunghe, Confusioni, Carta e del Cd-rom Zingari e Gagè.
Barbara Palmese: già consulente all'Unione industriali, fomisce attualmente per conto di Lunaria consulenza legale, tributaria e in tema di accesso al credito alle or ganizzazioni di terzo settore e di finanza etica.
Olivia Polimanti: avvocato del lavoro. Si occupa delle forme di lavoro nel terzo settore e dei diritti degli immigrati, svolgendo attività di consulenza per Lunaria ed al tre associazioni.